TESI

Per aziende

Sei un’azienda interessata ad accogliere un tesista per lo sviluppo di un progetto di comunicazione innovativo? Scrivimi: agnesevellar@gmail.com.

Per studenti

Sei uno studente del corso di laurea in Comunicazione ICT e Media o Comunicazione Pubblica e Politica e intendi chiedermi se posso essere il relatore della tua tesi?

Ecco cosa devi fare:

1) leggere tutte le indicazioni contenute in questo post

2) almeno 6 mesi prima dalla consegna della tesi, inviarmi una mail di richiesta con in oggetto: [RICHIESTA TESI] Tema + Corso di Laurea.

Inserire nel corpo del testo:

  • corso di laurea
  • tema di interesse (quello che diventerà il titolo della tesi)
  • numero di esami mancanti dalla laurea
  • media pesata degli esami
  • elenco esami di sociologia (SPS/08 superati e relativa valutazione)
  • sessione di laurea in cui si intende laurearsi

IMPORTANTE: seguo esclusivamente tesi relative alla comunicazione online e ai social media e con una prospettiva di tipo sociologico.

 

Lunghezza dalla tesi

Lunghezza indicativa:
• triennale: 80/100.000 battute,
• specialistica: 250/300.000 battute.

Formattazione suggerita: corpo testo 12 punti, interlinea 1,5, margini (destro, sinistro, superiore e inferiore) 3 cm.

Template di riferimento da adattare secondo le specifiche esigenze.

 

Tempistiche e modalità di svolgimento di una tesi

Entro 3 settimane dall’approvazione della tesi lo studente deve inviare una mail con:

argomento da trattare. Come? Identificando un tema trattato nel corso che si intende approfondire con un approccio originale o applicandolo ad un caso di studio;

bibliografia minima:  almeno 4 monografie e 10 articoli scientifici (non post in blog o siti);

– definire una bozza di scaletta con almeno 4 capitoli (ognuno dei quali deve avere almeno 3 sottocapitoli) creata utilizzando il sommario automatico.

Una volta al mese è necessario inviare una mail di aggiornamento con il link al file Drive con tutti i contenuti della tesi scritti (comprensivo di Indice e Bigliografia) indicando le pagine non ancora corrette di cui si richiede revisione.

In assenza di aggiornamenti sullo stato del lavoro, considererò annullata la disponibilità ad essere relatore della tesi.

La versione finale deve essere consegnata almeno 10 giorni prima della data di consegna della tesi online.

 

Risorse bibliografiche

Ogni tesi viene costruita sulla base del lavoro svolto in precedenza da altri studiosi. Lo studente deve imparare a ricercare (attraverso le biblioteche e le varie banche dati) le fonti più opportune per l’argomento trattato dalla tesi, nonché a valutare la loro autorevolezza.

La stesura della tesi presuppone la capacità dello studente di condurre una accurata ricerca bibliografica sull’argomento oggetto del lavoro. Oltre ai libri, numerose riviste scientifiche ospitano regolarmente saggi su argomenti di interesse della sociologia della comunicazione.

Riviste Open Access

Riviste accessibili al Campus Einaudi

Lo studente è invitato a consultare gli indici dei numeri usciti almeno negli ultimi 2-3 anni allo scopo di reperire letteratura utile per la tesi.

È inoltre consigliabile compiere una ricerca all’interno di:
– Motore Google Scholar
– Sociological Abstracts, una banca dati bibliografica consultabile dalle postazioni della biblioteca Solari sotto il link “Banche dati bibliografiche”.

I riferimenti bibliografici devono essere indicati nel formato “bibliografia all’americana”:

  • riferimenti bibliografici inseriti direttamente nel testo (non nelle note a piè di pagina), riportando cognome dell’autore, l’anno di pubblicazione ed eventualmente le pagine cui ci si riferisce (i numeri di pagina vanno sempre indicati nel caso di citazioni di intere frasi);
  • alla fine della tesi i riferimenti bibliografici vanno elencati in ordine alfabetico per quanto riguarda i cognomi degli autori e in ordine cronologico per quanto riguarda le opere citate dello stesso autore.
    Per un esempio di questo sistema di citazione si può consultare L. Paccagnella, Sociologia della comunicazione, Bologna, Il Mulino, 2004.

È fondamentale che, all’interno della tesi, tutte le parti di testo non scritto di proprio pugno dallo studente (per esempio citazioni da libri) siano chiaramente evidenziate, usando le virgolette nel caso di citazioni brevi oppure una formattazione diversa (per esempio con rientri più ampi) nel caso di citazioni di diverse righe.

Il minimo accettabile di testi in bibliografia per una tesi magistrale è di:

  • 15 monografie
  • 40 articoli scientifici

Esempi di tesi di ricerca empirica qualitativa

Per fare una tesi di ricerca è  auspicabile che tu abbia sostenuto un esame di Metodologia delle Scienze Sociali e che tu conosca la metodologia etnografica e la tecnica dell’osservazione partecipante e delle interviste in profondità.

Questi sono esempio di tesi che intregrano queste metodologie per lo studio di una comunità:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *